//cdn.iubenda.com/cookie_solution/safemode/iubenda_cs.js

Finalmente è arrivato Natale! Anche quest’anno le nostre città si riempiono di luci, di festoni e un clima di felicità aleggia nell’aria. Noi abbiamo pensato di portarvi in giro nella nostra Bologna, scoprendo i luoghi più belli e quelli più particolari durante il periodo delle feste… c’è anche un video. Perchè le immagini valgono più di mille parole!

Vogliamo mostrarvelo subito il nostro giro di Bologna! Ecco il video che potete trovare sul nostro neonato canale YouTube: è solo soletto per ora, ma chissà che non sia il primo di una lunga serie…

IL NOSTRO GIRO PER BOLOGNA A NATALE

Bologna a Natale si riempie di gente che, approfittando della chiusura delle due strade principali, Via Rizzoli e Via Indipendenza, si riversa a guardare le vetrine e a passeggiare.

VIA SANTO STEFANO E CORTE ISOLANI

Noi abbiamo iniziato da Via Santo Stefano, uno dei punti d’accesso al centro con gli autobus durante il T-Day del weekend. 
Ogni primo sabato del mese si svolge il mercatino dell’antiquariato, che riempie la piazza di mobili antichi e di oggetti vintage che attraggono un sacco di persone.

Dentro la Basilica di Santo Stefano, chiamata anche delle Sette Chiese,  si trova uno dei presepi più belli di Bologna: quello in terracotta di Lina Osti. Se guardate con attenzione noterete che ogni monumento della città è qui raffigurato come ambientazione per la natività. C’è San Petronio, San Pietro e persino la Basilica di San Luca sul colle della Guardia. 

Proprio a ridosso della Piazza si trova uno dei negozietti più particolari, dove trovare bellissime decorazioni per l’albero e un sacco di idee per regali a tutta la famiglia. Si chiama Gallina Smilza e io ci perdo la testa ogni volta…

All’interno della Corte Isolani, da sempre una delle gallerie più eleganti della città, troviamo uno dei presepi di Ivan Dimitrov. Scultore bulgaro ma residente a Bologna, che alla città ha dedicato numerose opere. La mostra apre il 15 dicembre e si trova a Palazzo Isolani, a pochi metri dall’entrata della Galleria.

PIAZZA MINGHETTI E GALLERIA CAVOUR

Procediamo verso Piazza Minghetti, dove si trova il Mercatino Francese che per l’occasione si è vestito a tema natalizio. Prima però è d’obbligo una fermata da SfogliaRina, uno dei locali più golosi di Bologna. Qui la pasta all’uovo è fatta a mano e oltre ai favolosi tortellini si trovano anche tutti gli altri nostri tipi di pasta tipica: tagliatelle, tortelloni, zuppa imperiale… E’ possibile degustarla con le ricette classiche, in piatti take away… sempre se riuscirete ad entrare…

Galleria Cavour è la nostra via dello shopping d’alta moda e anche quest’anno le decorazioni sono davvero eleganti e ben studiate. Naturalmente anche i grandi marchi non lesinano per addobbare le vetrine e, sognando almeno un pochino, quattro passi non costano nulla.

PIAZZA MAGGIORE – VIA INDIPENDENZA

In Piazza Maggiore l’albero, donato dal comune di Lizzano in Belvedere, troneggia altissimo, ma con le luci è sicuramente più spettacolare… ci torneremo… Meglio entrare in Palazzo re Enzo, dove altri mercatini con oggettistica, moda e tanto cibo, riempiono le bellissime stanze dell’antico Palazzo (la sua storia la potete trovare qui).

In Via Indipendenza oltre alle mille vetrine illuminate, da pochissimo c’è anche il Negozio della Lego, con una fila di almeno un’ora all’esterno, il Disney Store, magico soprattutto a Natale, e il Mercatino di Via Altabella, dove riempirsi le tasche di dolci.

VIA UGO BASSI FINO A PIAZZA SAN FRANCESCO

Ritornando all’incrocio tra Cardo e Decumano, Via Rizzoli e Via Indipendenza, si può continuare verso Via Ugo Bassi per due fermate irrinunciabili per gli amanti di tè e tisane. Sotto Natale una bella tazza calda si può riempire con i buonissimi preparati di Peter’s TeaHouse, che ha da poco aperto a Bologna, oppure StregaTe, il primo in città per te e tisane particolari e pieni di dolci sorprese.
Siamo vicini a Gamberini, una delle pasticcerie e caffè più antichi e amati di Bologna, dove le torte natalizie sono classiche ma sempre molto belle.

Tornando verso la Piazza un’altro Presepe è visibile nella Chiesa del San Salvatore (ovviamente era Giorgia a saperlo) ed un veloce ingresso ve lo consigliamo.

VIA D’AZEGLIO E LUCIO DALLA

Passando da dietro la Questura e il Palazzo Comunale si torna in Piazza Maggiore… ma prima, guardate alla vostra destra: ecco via D’Azeglio, illuminata dalla più bella installazione di quest’anno. E’ dedicata a Lucio Dalla, che viveva proprio a metà della via, con le parole illuminate di “L’anno che verrà” una delle sue più famose canzoni. L’opera è dell’artigiano napoletano Antonio Spezia, realizzate appositamente per la città e accompagnate ogni giorno verso le 18:00 dalle note della canzone.
Non è raro trovare gruppi di ragazzi che percorrono la via cantando le dolci frasi del grande Lucio…

Passando sotto ogni verso ci si ritrova all’incrocio con via Farini. Svoltando a destra, sotto al portico, ecco due tra i negozi più amati dai bolognesi per Natale: Il Calamario e Majani. Nel primo, in via de’ Carbonesi 3, solo entrando si può comprendere la magia delle feste… Migliaia di decori, palline, alberi, luci, carillon, calendari, bigliettini d’auguri (perché all’inizio qui si vendevano solo quelli) e ben tre gatti (veri) che gironzolano per il negozio. Incredibile!
Majani, oramai noto in tutta Italia, è nato qui nel 1700 e da quel momento con i suoi cioccolatini Fiat ha conquistato il palato di ognuno di noi. Una capatina nel negozio storico è un bel modo di prendere un ricordino ai nostri cari.

VIA FARINI E IL PAVAGLIONE

Torniamo indietro, ripercorriamo via Farini e ci troviamo davanti al Bricco d’Oro, uno dei bar storici di Bologna con la miglior cioccolata in tazza della città. Lo ammetto, non è che le abbia provate tutte, ma qui è davvero ottima e le tradizioni sono tradizioni. La prima della stagione la vogliamo bere qui, e così ci sediamo!

Il Portico del Pavaglione, altra via dello shopping, è illuminato in modo sobrio quest’anno e ci accompagna dritte in Piazza, finalmente risplendente alle luci della notte. Le vetrine di Zanarini, da sempre il bar più lussuoso della città, si decora di statuine e torte di Natale.

LA PIAZZA DI NOTTE

L’albero è decisamente più bello così, pieno di luce.
Il Nettuno, come in una gara tra giganti, gli da le spalle offeso e anche via Rizzoli si riempie di giochi di stelle dorate. Quest’anno niente luminarie sulle due torri, come da un po’ di anni a questa parte… Peccato, ho sempre pensato che i fili che partivano dalla cima fossero davvero splendidi.

In Via Orefici, facendo una piccola deviazione dalla strada principale, si trova lo storico negozio Atti (Paolo Atti & Figli) che da metà dell’800 produce prodotti da forno tipici di Bologna. Noi ci avevamo portato i nostri amici Gabri e Marti durante il tour della Bologna gastronomica (che dovrà essere non solo ripetuto ma anche allargato), ma a Natale i prodotti più venduti diventano tortellini (per il pranzo di Natale) e il certosino, il dolce tipico. Si tratta di “miele, frutta candita, frutta cotta, marmellata o mostarda, mandorle e pinoli sgusciati, cacao in polvere, cioccolato fondente e sciroppo di vino” come recita il sito del negozio e con questo dolce a lunghissima conservazione Paolo Atti ha vinto il premio “Dino Villani” dell’Accademia Italiana della Cucina. La scatola? E’ quella originale, in stile liberty, identica a quella degli anni ’20.

STRADA MAGGIORE E SANTA LUCIA

Prendiamo Strada Maggiore per l’ultima tappa del nostro giro natalizio. La meta è sotto il portico più largo del mondo ma prima ci fermiamo alla Città del Sole, il paradiso dei giocattoli di nicchia. Grandi e piccini rimangono incantati davanti alle sue vetrine e questa magia ormai si ripete ogni Natale da generazioni!

Santa Lucia è la tappa natalizia per eccellenza di Bologna.
Il suo vero nome è Antica Fiera di Santa Lucia e tutti noi, sin da bambini, venivamo qui ad acquistare le nuove palle per l’albero e le statuine che ingrandivano il Presepe. Con il passare del tempo le bancarelle, oggi ben tenute, si sono trasformate in una fiera “di tutto un po’ ” perdendo lo spirito che aveva in passato. Un tradizione che risale al XVI secolo e alla quale i bolognesi sono fortemente affezionati.

Il tour della Bologna vestita a festa finisce qui. Se verrete a Bologna durante le feste lasciateci un commento e diteci cosa vi ha colpito di più.

A noi non rimane che augurarvi un Buon Natale!

Author

Ho studiato legge ma ho preferito seguire la mia creatività lavorando nella grafica pubblicitaria. Sono gattara da tutta la vita e amo il mare in tutte le sue forme. Dopotutto sono un segno d'acqua e da sempre combatto tra il desiderio di scoprire il mondo e il bisogno di stabilità. Mete preferite? Gli Stati Uniti e il Nord Europa. Rigorosamente on the road.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: