//cdn.iubenda.com/cookie_solution/safemode/iubenda_cs.js

Organizzare un viaggio fai da te in Myanmar, un luogo considerato ancora poco dal turismo internazionale, può sembrare difficile.
Per questo vi elencherò alcune informazioni fondamentali che vi aiuteranno nella preparazione della vostra visita se deciderete di volare verso l’antica Birmania… e credetemi, ne vale la pena!

IL VISTO TURISTICO ONLINE

Il visto d’ingresso per il Myanmar si ottiene on line in maniera molto semplice: basta compilare il modulo per l’e-visa e caricare una foto a colori su questo sito che vi riporto: https://evisa.moip.gov.mm/index.aspx

E’ richiesto il pagamento di 50 dollari, da effettuare al momento della compilazione del modulo on line.
Il visto elettronico arriva entro i 3 giorni lavorativi successivi, tramite email.

In caso di urgenza, è disponibile l’express service, che garantisce l’invio del Visto entro 24 ore dalla richiesta. Il costo è di 56 dollari.

QUANDO ANDARE IN MYANMAR

Il periodo migliore per affrontare un viaggio in Myanmar è da dicembre a marzo. Per ragioni climatiche evitate di andare da maggio ad ottobre: i monsoni colpiscono frequentemente in questo periodo.

COME MUOVERSI IN MYANMAR

AEREO E DOVE ATTERRARE

Si tratta della soluzione che abbiamo usato maggiormente durante questo viaggio.
La rete di collegamenti aerei interni fra le principali mete di interesse turistico è buona ma purtroppo i voli non sono stati sempre puntuali. Ci è capitato un ritardo superiore a 2 ore, per una tratta di soli 45 minuti di volo!
Naturalmente abbiamo prenotato i voli interni on line, direttamente dai siti delle compagnie nazionali di cui vi riporto i link:

Myanmar Airlines – https://www.flymna.com/

Golden Myanmar Airlines – https://gmairlines.com/

AUTO E NOLEGGIO

Per ragioni di scarsità di tempo a disposizione non abbiamo optato per questa soluzione.
Se foste interessati a noleggiare un auto possiamo dirvi che la viabilità non ci è parsa troppo frenetica. Considerate naturalmente che non in tutte le zone la segnaletica è tradotta in Inglese (i caratteri dell’alfabeto Birmano differiscono dai nostri).

AUTO E GUIDATORE LOCALE (DRIVER)

Abbiamo adottato anche questa soluzione. I prezzi non sono eccessivi e ci siamo trovati davvero bene: abbiamo avuto a nostra disposizione un driver e una guida in lingua Inglese. Naturalmente anche questa ricerca è stata FAI-DA-TE!

AUTOBUS E MEZZI PUBBLICI

La scelta di molti viaggiatori ricade sui mezzi pubblici su strada. Le tratte più lunghe possono essere percorse di notte, consentendo di ottimizzare i tempi e con costi decisamente più contenuti rispetto ai voli aerei.

TRENO

Scelta assolutamente sconsigliata. Le infrastrutture sono davvero carenti (pensate che esiste un singolo binario) e ci hanno detto che i ritardi sono assolutamente assicurati!

COME PAGARE IN MYANMAR

La valuta usata in Myanmar è il Kyat.

Le Banche Italiane non gestiscono questa valuta. E’ possibile cambiare gli Euro in aeroporto a Yangoon (gli altri aeroporti sono decisamente piccoli e sprovvisti del servizio di cambio valuta). Prestate attenzione perchè non abbiamo trovato sportelli di cambio valuta nelle città, frequenti sono gli sportelli bancomat presso cui poter prelevare Kyat.

1 Euro corrisponde a circa 1.580 Kyat…. attenzione a fare per bene i conti quando vi daranno il resto!!

CHE LINGUA SI PARLA IN MYANMAR

Un briciolo di Inglese lo conoscono tutti, almeno nelle località più turistiche. Se vorrete spingervi al di fuori dei circuiti più battuti, vi consigliamo di essere accompagnati: l’inglese in altre zone non è proprio conosciuto. Inoltre ricordate che in Myanmar non è usato l’alfabeto latino.

IL NOSTRO ITINERARIO: 8 GIORNI ALLA SCOPERTA DELL’ANTICA BIRMANIA

Partiamo dicendo che il nostro viaggio è durato 10 giorni, spostamenti aerei dall’Italia compresi, quindi i giorni effettivamente trascorsi alla scoperta del paese sono stati solo 8…. pochi ma comunque sufficienti per assaporare le meraviglie che il Myanmar può regalare.

  • Abbiamo mosso i primi passi sul suolo birmano a Yangon, l’ex capitale del Paese… la Shwedagon Paya è assolutamente da vedere!
  • Un aereo ci ha poi condotto sul Lago Inle e un altro ancora a Bagan… le due mete imperdibili e sicuramente le più conosciute del Myanmar!
  • Da Bagan , accompagnati da guida e driver, siamo andati alla volta di Mandalay, pernottando a Moniwa e scoprendo alcuni piccoli gioielli nel tragitto!

Con più tempo a disposizione tante erano le mete da poter aggiungere, ma….. sarà per un prossimo viaggio in Myanmar!

Author

Nella vita lavoro in un istituto di credito ma la mia vera passione è viaggiare. Soffro di mal d'Asia, amo la parte orientale del mondo e sono una visitatrice compulsiva di Chiese. Qui racconto le emozioni dei miei viaggi, quelle che mi fanno sorridere ogni giorno.

Rispondi