//cdn.iubenda.com/cookie_solution/safemode/iubenda_cs.js

Bentornati sul blog!!
E’ passato più di un mese dal nostro ultimo post, speso tra ultimi faticosi giorni di lavoro, numerosi compleanni ed anche matrimoni…. Naturalmente non sono mancate le ferie estive e, se Giorgia ha scelto la Thailandia quest’anno, io ed il mio fido accompagnatore/compagno di vita siamo partiti alla volta della vicina Spagna affrontando un viaggio on the road in puro stile DoppiaG. Auto a noleggio, reflex alla mano per riempire più memorie SD possibile e tanta, tanta voglia di scoprire e vedere il più possibile.

IL NOSTRO ITINERARIO IN ANDALUSIA

CORDOVA

Il nostro giro è iniziato a Cordova, la bella perla dell’entroterra andaluso, caratterizzata dalla forte calura pomeridiana, dalle miti acque del fiume Guadalquivir e dalla arabescante Mezquita, palazzo e luogo di culto con secoli di storia.

SIVIGLIA

Abbiamo poi percorso 100 e passa Km verso sud per raggiungere la capitale della regione Andalusa: la magica Siviglia. I suoi bellissimi monumenti, la Giralda, l’Alcazar, la ricchissima Cattedrale, ci hanno indubbiamente stregato ma non abbiamo dimenticato di rincontrare lo stesso fiume di Cordova e passeggiare lungo il suo corso per raggiungere e visitare la meta degli appassionati di corride e toreri: Plaza de Toros.

CADIZ E JEREZ DE LA FRONTERA

Eravamo in una regione costiera ma ancora non avevamo visto il mare, quindi in un giorno ci siamo riempiti prima gli occhi con i colori azzurri e dorati di Cadice e poi ci siamo gustati le atmosfere notturne di Jerez de la Frontera. Entrambe splendide località balneari dove abbiamo ritrovato quella parte di spagnoli scappata dalla calura delle città più grandi.

GIBILTERRA

Capatina di un giorno a Gibilterra, per cambiare Stato in un batter d’occhio e fare conoscenza con le bertucce africane che, più di un secolo fa, decisero di insediarsi sull’elevata Rocca che domina la città. Un giorno totalmente inglese, sia come cibo che come atmosfera, che ci ha fatto ripetere svariate volte: ricordiamoci che siamo in Spagna, non a Londra!!

MARBELLA E RONDA

Un’autostrada fiorata e calda ci ha quindi condotto verso Marbella: zona turistica, ricca, sfarzosa, modaiola, di tendenza che poco aveva a che fare con quello che avevamo visto fino a quel momento. I grandi yacht a popolare la zona di Port Banùs, i marchi del lusso lungo la Promenade ed i mille campi da golf inseriti all’interno di lussuosi resort, come elementi caratterizzanti di questa perla sul Mediterraneo.

Diversissima invece la tipica Ronda, cittadina di montagna piena di motociclisti in cerca della piega perfetta, grazie alla strada tutta curve che si deve percorrere per raggiungerla. Un accenno di aneddoto divertente? Be’ diciamo che non tutti gli spagnoli sono fan di Marc Marquez… 😉

MALAGA

Poi Màlaga, la città marittima e spensierata che ha ben pensato di farci un gradito regalo. Siamo arrivati proprio in tempo per il primo giorno della Fèria de Verano, la grande festa dell’estate spagnola, che trasforma il centro in un viavai di abiti tipici da gitanas, chignon arricchiti da fiori colorati e mantille di pizzo sulle spalle. Una festa che ogni anno richiama più di un milione di persone tra le quali, quest’anno, possiamo essere contati anche noi!

GRANADA

Se Màlaga ci ha toccato il cuore, Granada ci è entrata completamente nel sangue. Luogo perennemente animato da folle festanti, da migliaia di locali all’aperto per mangiare tapas e bere fresco vino tinto ad ogni ora del giorno… Le curate vie del centro, le chiese gotico-rinascimentali, i mercati in stile marocchino e gli azulejos, ti seguono ovunque tu vai e sono diventati gli elementi che ce l’hanno più fatta amare. Ma il colpo di grazia l’ha dato l’Alahambra, magnifica fortezza e palazzo reale, candidata a diventare, a ragion veduta, una delle Meraviglie del Mondo.

VALENCIA

Due giorni dedicati infine anche alla giovane e moderna Valencia, città che non può essere inserita nel contesto tipico dell’Andalusia e che, per questo, ci ha forse un po’ deluso. Bellissima la moderna e curata zona della Città della Scienza e delle Arti, edificata su progetto del grande architetto Calatrava, meno interessante la visita alla Cattedrale, alla Plaza dell’Ayuntamiento ed all’edificio della stazione proprio a fianco della Plaza de Toros. Peccato solo per il clima umido ed afoso che ha reso alcune camminate particolarmente pesanti da affrontare.

Un giro molto bello che consigliamo di fare a tutti. Un on the road che può essere affrontato a basso costo così come con la ricerca di massimo confort, con mezzi pubblici o privati, ma soprattutto una vacanza adatta non solo alle coppie ma anche a grandi gruppi di amici!
Curiosi di vedere un po’ di foto, di conoscere i piatti tipici e di sapere le dritte più importanti per organizzare al meglio un tour simile al nostro?

Allora cliccate sui post!

 

Author

Ho studiato legge ma ho preferito seguire la mia creatività lavorando nella grafica pubblicitaria. Sono gattara da tutta la vita e amo il mare in tutte le sue forme. Dopotutto sono un segno d'acqua e da sempre combatto tra il desiderio di scoprire il mondo e il bisogno di stabilità. Mete preferite? Gli Stati Uniti e il Nord Europa. Rigorosamente on the road.

12 Comments

  1. Ma che bell’itinerario e quanto avete girato!
    La Spagna mi manca all’appello se non per Barcellona, dove sono stata troppi anni fa…
    Attendo i prossimi post per gli approfondimenti.

    • L’Andalusia è diversissima dalla parte catalana, molto più influenzata dalle conquiste musulmane e con luoghi storici in cui sembra di essere in Marocco più che in Europa!
      Si somigliano moltissimo invece rispetto alla movida notturna, alle tapas che puoi trovare in qualsiasi locale e la sangria che scorre a fiumi!
      Credo che farò un post anche su questo 😉

  2. Che bellissimo giro! Ho sfiorato l’Andalucia tanti anni fa visitando Cordoba che mi piacque moltissimo! Non vedo l’ora di leggere di Cadiz, Jerez, Siviglia e Granada!

  3. E poi potevo non commentare io, motociclista e tifosissima di Marquez – giuro, non è una battuta- dopo la descrizione di Ronda e della strada per raggiungerla? Bramo foto e racconto. L’aneddoto anti Marc no 😉
    Alcune delle città da voi toccate le abbiamo viste anni fa, nel 2007 -secoli ormai- ma desidero riscoprirle attraverso i vostri occhi.
    La mia preferita tra tutte? Córdoba!!!
    A presto!
    Claudia B.

    • Giuro che mentre percorrevo la strada per Ronda ho pensato a te e mi sono detta: “Ah qui ci viene fuori un bel post che piacerà a Claudia!”
      Su Marc… diciamo che non condivido ma rispetto le scelte, seppur sbagliate, degli altri 😛
      Anche per me Cordoba è una delle più carine e la Mezquita è stata magnifica!
      Un bacione

  4. Bellissimo questo giro, nonostante Valencia non riesco proprio a farmela piacere!
    Quest’anno avevo in mente di fare il giro dell’Andalusia a settembre ma ho optato per una seconda scelta che in realtà era da molto tempo in wish list, presto vi diremo! 😉
    Aspettiamo i singoli articoli di questo bellissimo viaggio in terra spagnola <3

    • Sai che anche a me Valencia non mi ha per nulla emozionata… purtroppo vuoi il clima umidissimo, vuoi la stanchezza post viaggio ce la siamo girati senza vedere nulla di così speciale. E dire che ci sono persone che ci tornano e ritornano tutti gli anni… de gustibus…
      Sono curiosa del vostro viaggio… 🙂 <3

  5. Ma che giro spettacolare! Io purtroppo della Spagna ho visto solo Barcellona, Siviglia e Cadiz (solo per poche ore, purtroppo).
    Quindi come Alessia aspetto tutti i post dettagliati!

  6. Che giro stupendo avete fatto! Bentornata! 😊 Aspetto tutti i post al riguardo… l’Andalusia mi intriga moltissimo! Ciao!!

Rispondi