//cdn.iubenda.com/cookie_solution/safemode/iubenda_cs.js

Camminando per via Clavature, tra le vetrine di noti marchi d’abbigliamento e l’ingresso al nuovo Mercato di Mezzo, ci si imbatte nell’ingresso ad una chiesa, quasi nascosta tra le facciate dei palazzi.
Non è nota nemmeno tra noi bolognesi, nonostante la sua importante storia e la celebre opera ospitata.

LA CHIESA DI SANTA MARIA DELLA VITA

DSC_4725

Parliamo di Santa Maria della Vita, santuario voluto nel 1287 da Raniero Fasari, fondatore della Confraternita dei Battuti.
Avete letto, o visto, il famoso Codice da Vinci di Dan Brown? Il monaco che pratica la flagellazione come metodo di espiazione dei peccati, non è altro che un seguace moderno del movimento dei Disciplinati, nato nella prima metà del 200 a Perugia ed esportato dal Fasari in tutta Italia.DSC_4513
A Bologna arrivarono circa 20.000 seguaci e ancora oggi alcuni segni del loro passaggio sono rimasti.
Un esempio sono gli stemmi, raffiguranti tre palle appese a corde da flagellazione, sopra le botteghe di via Pescherie Vecchie.

LA CONFRATERNITA DEI BATTUTI

La Confraternita accolse gli infermi della città ed i pellegrini in viaggio verso Roma. Bologna si trovava infatti sulla via che portava direttamente dal Papa, senza bisogno di pagare dazi.
Venne fondato così l’Ospedale della Vita, sito proprio a fianco della chiesa omonima e oggi non più esistente.
Proprio di fronte venne invece eretto l’Ospedale della Morte, con accesso sotto al famoso porticato di via de’ Musei, che ancora viene chiamato Portico della Morte.

DSC_4727

La leggenda popolare tramandava che se nel primo erano ospitati i malati curabili, nel secondo si trovassero, al contrario, coloro che non avevano speranze.
La realtà era differente. L’ Ospedale della Vita ospitava soprattutto pellegrini ed il secondo nacque per volere di una Compagnia (detta poi dei Devoti a S.Maria della Morte) che si occupava dell’assistenza ai condannati a morte.

re enzo

Curiosità: a Bologna il boia risiedeva in Palazzo Re Enzo (proprio dove oggi si trova uno storico locale chiamato La Linea). La casa contava di un piccolo davanzale, ancora oggi esistente, al quale la moglie del boia era solita porre dei vasi da fiore. Ogni volta che veniva compiuta un’esecuzione ed il marito portava a casa il denaro, la donna contenta, si regalava un nuovo vaso per abbellire il balcone. Quindi, per chi era rimasto fuori città per molto tempo, era facile conoscere, contando i vasi, lo stato dei condannati in attesa di giudizio. 

IL COMPIANTO DI NICCOLO DELL’ARCA

Nel 1460 Niccolò dell’Arca, originario della Puglia, si trasferì a Bologna.
Gli venne commissionato, dalla Confraternita dei Battuti, la creazione di un’opera dedicata alla morte di Cristo, ancora oggi visibile presso la cappella destra della Chiesa di Santa Maria della Vita.

DSC_4674

Il Compianto sul Cristo Morto è uno dei capolavori più famosi che si trovano in città.
Sette sculture in terracotta raccontano il dolore su un Cristo sdraiato, deposto dalla Croce, con estremo realismo ed espressività. Si pensa che proprio il fatto di risiedere a ridosso dell’Ospedale abbia dato a Niccolò dell’Arca ispirazione per lo strazio espresso dai personaggi.

D’Annunzio lo definirà “un urlo di pietra”.

I SOGGETTI RAPPRESENTATI

Il protagonista è Gesù, coricato al centro, su un cuscino dove l’autore riporta la sua firma: “Opus Nicolai de Apulia” (così veniva nominato prima di diventare famoso per la successiva opera Arca di San Domenico).

DSC_4705

Dietro di lui, a partire da sinistra, troviamo Giuseppe d’Arimatea (che avrebbe il volto di Niccolò dell’Arca). Egli, che domandò a Pilato il corpo di Cristo per deporlo nella sua tomba, regge canonicamente le tenaglie per togliere i chiodi.

DSC_4706

Subito dopo troviamo la prima delle tre Marie presenti: Maria di Salome, discepola di Gesù addolorata al punto di sentir cedere le gambe. Poi la Madonna, che incrocia le mani al petto per esprimere un dolore raccolto. San Giovanni è il personaggio che pare meno disperato, nonostante possa leggersi nei suoi occhi un pianto “composto”, senza lacrime.

DSC_4688

Le figure più “urlanti” sono Maria di Cleofa, che sembra voler allontanare l’orrenda scena da se’ e Maria Maddalena, che grazie al movimento creato dal mantello, sembra proprio accorrere sulla scena, strillando tutta la sua sofferenza.

DSC_4698

DSC_4699

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pensate che quest’opera, completamente in terracotta colorata, venne spostata per anni nella bottega di un macellaio, esposta alle macchie di sangue ed agli scarti di lavorazione. Nonostante tutto è ancora in buono stato di conservazione ed i colori restano evidenti.
Le statue sono a grandezza naturale ed è considerata la prima rappresentazione realistica della storia.

LA CHIESA

DSC_4723

Ritornando alla Chiesa, essa è una delle più belle rappresentazioni barocche in città.
La sua Cupola, che spunta tra i palazzi ed è visibile da Piazza Maggiore, venne rifatta da Tubertini intorno al 1680, a seguito di un crollo.

Misterioso il ritrovamento dell’affresco sull’altare maggiore: risalente al 300 venne riscoperto solo nel 1600 grazie ad una intercapedine sul muro. E’ attribuito a Pietro di Giovanni Lianori e viene festeggiato ogni 10 di settembre.

DSC_4714

Un’altro tassello aggiunto alla rubrica sulla nostra città… Mi raccomando, non perdetevi i prossimi racconti!

Author

Ho studiato legge ma ho preferito seguire la mia creatività lavorando nella grafica pubblicitaria. Sono gattara da tutta la vita e amo il mare in tutte le sue forme. Dopotutto sono un segno d'acqua e da sempre combatto tra il desiderio di scoprire il mondo e il bisogno di stabilità. Mete preferite? Gli Stati Uniti e il Nord Europa. Rigorosamente on the road.

4 Comments

  1. Non conoscevo questa storia e le due statue mi hanno lasciata senza fiato: sono sembrano vere in maniera inquietante.

Rispondi