La Cappadocia è una regione della Turchia nota in tutto il mondo per via del suo paesaggio incantevole, tanto da sembrare spesso surreale.

È sicuramente una delle mete più particolari che possiamo trovare per le nostre vacanze, nonché una destinazione perfetta per vivere un viaggio speciale, diverso dal solito. La sua è inoltre una storia incredibilmente ricca, che parla la lingua di molte dominazioni: dagli ittiti fino ad arrivare ai romani. Proprio per questo, dopo aver visitato Istanbul oggi scopriremo cosa vedere assolutamente durante un tour in Cappadocia.

Arrivarci preparati

Prima di scoprire le mille meraviglie di questa regione della Turchia, occorre pianificare con attenzione il viaggio per potersi preparare a dovere. In primo luogo emerge l’esigenza di programmare la vacanza nel periodo migliore per godersi la Cappadocia: il consiglio è quindi quello di visitarla in primavera, per via dei magnifici colori regalati da una natura che torna a sbocciare, anche se ad aprile-maggio c’è comunque il rischio di incontrare la pioggia. In estate questo pericolo decade, anche se ovviamente si dovranno sopportare delle temperature un po’ più elevate.

Attenzione anche a come orientarvi al meglio: la Cappadocia è infatti certamente una regione turistica, ma fatta anche di piccoli paesi distanti tra loro e isolati. Il consiglio è quindi di scaricare applicazioni che vi possono aiutare con la lingua: si possono ad esempio trovare numerose opinioni su Babbel visitando il sito di questa app e che vi aiuteranno a capire come, impratichendovi con parole e conversazioni, possiate migliorare la vostra esperienza in Turchia. Infine, qual è il modo migliore di arrivare in Cappadocia? Certamente in aereo, anche se non esistono voli diretti e lo scalo a Istanbul è un passaggio obbligato. Non c’è nemmeno bisogno di preoccuparsi eccessivamente dei documenti: basta infatti avere una carta d’identità valida almeno per i prossimi cinque mesi.

cappadocia

Il meraviglioso paesaggio di Goreme

Se si parla di magia, impossibile rinunciare ad una visita a Goreme, uno spettacolare museo all’aperto noto in tutto il mondo. Si parla di una meta a dir poco fuori dal comune, in quanto situata in mezzo a coni vulcanici, dirupi, vigneti e piccole casette che colorano lo sfondo: non deve dunque stupire questa valle sia stata nominata Patrimonio Unesco dell’Umanità. La valle di Goreme, quindi, si presenta come una delle mete in assoluto più belle della Cappadocia.

Le città sotterranee della Cappadocia

Fra le attrazioni imperdibili della Cappadocia troviamo anche e soprattutto le città sotterranee. Queste installazioni vennero realizzate dai cristiani intorno al 300 e avevano lo scopo di proteggere gli abitanti dagli scontri religiosi e dalle persecuzioni che perdurarono addirittura fino al 1200. Vennero poi via via abbandonate e intorno agli anni ’50 riscoperte dalle nuove generazioni: i bambini le usavano infatti per giocare, contribuendo inconsapevolmente a nutrire la fama di queste città. Non a caso, quei bimbi oggi sono diventati le guide turistiche più preparate in merito alle città sotterranee della Cappadocia.

Fra le imperdibili da visitare troviamo ad esempio Kaymakly, composta da ben otto piani sotterranei, anche se attualmente purtroppo è possibile visitarne soltanto cinque. Inutile dire che, trattandosi di vere e proprie città, queste caverne vantano cucine, stanze da letto e diversi magazzini per lo stoccaggio delle provviste: tutti locali visitabili nel corso di un’escursione.

cappadocia

Le valli più belle della Cappadocia

Visitare la Cappadocia vuol dire anche lanciarsi alla scoperta delle sue splendide valli, fra cui la già citata valle di Goreme. Si tratta di ambienti mozzafiato, connotati come detto da scorci surreali e che possono diventare un’ottima scusa per visitare la Cappadocia passeggiando. Non a caso, molti amanti del trekking scoprono questa regione ogni anno proprio per via delle sue incredibili particolarità.

E per chi preferisce una vacanza rilassante, ecco l’opzione del tour in mongolfiera: una soluzione perfetta per riposare le membra, senza per questo rinunciare ad una spettacolare vista dall’alto delle valli della Cappadocia. Infine, gli appassionati di quattro ruote possono scoprire le valli a bordo di un ruggente Quad.

La Cappadocia vi attende, con i suoi paesaggi da mille e una notte, con le sue valli fuori dal mondo e con le sue città sotterranee.

Author

Ho studiato legge ma ho preferito seguire la mia creatività lavorando nella grafica pubblicitaria. Sono gattara da tutta la vita e amo il mare in tutte le sue forme. Dopotutto sono un segno d'acqua e da sempre combatto tra il desiderio di scoprire il mondo e il bisogno di stabilità. Mete preferite? Gli Stati Uniti e il Nord Europa. Rigorosamente on the road.

Cosa ne pensi del nostro articolo? Lascia qui il tuo commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: